Raggiungere la forma mentale – Psicologia dello Sport

Quando il campione di tennis Boris Becker perdeva una partita diceva di averla persa “nella sua testa”. Becker era consapevole che la forma mentale è importante quanto la preparazione fisica.

Tra i campioni di oggi Novak Djokovic pratica meditazione e visualizzazione per aiutarsi a raggiungere la calma interiore che lo ha aiutato a superare Federer e Nadal diventando il numero uno. Il tennis è uno sport in cui, come nel golf e nel tiro a segno, la calma interiore (che non significa mancanza di esplosività) fa davvero la differenza in ogni gara.

Allenatori e atleti di alto livello hanno sempre saputo che la forza mentale svolge un ruolo fondamentale nel determinare la vittoria o la sconfitta. La psicologia dello sport offre molti approcci per allenare la mente ed acquisire una forma vincente. L’allenamento mentale nello sport (o mental training) permette di trasformare un insuccesso in una preziosa opportunità di crescita.

Innanzitutto è importante che l’atleta impari a rilassarsi. Oltre ad analizzare i propri errori bisogna concentrarsi su su come migliorare, rivedendo mentalmente quei momenti in cui la performance è uscita dall’esecuzione ideale.

Il potere del rilassamento nello sport

meditazione e visualizzazione per migliorare la performance - psicologia dello sportImparare a rilassarsi porta maggiore autocontrollo, rende più facile la gestione contemporanea e sinergica del corpo, delle emozioni e dei pensieri.

Questo connubio di risorse equivale al carburante di cui lo sportivo dispone per arrivare ai massimi livelli. E’ utile che si impari ad accedere allo stato di rilassamento e di benessere in ogni situazione oltre che in gara e in allenamento. In tal modo diventa possibile richiamare il proprio stato di “centratura” anche nelle condizioni più difficili, dove è più necessario. L’equilibrio emozionale di una mente lucida permette altresì di accedere alle proprie risorse esplosive come velocità, forza, resistenza, grinta …. ma sempre mantenendo il contatto con il proprio strumento basilare e più prezioso, l’unità mente-corpo.

Imparare a rilassarsi quindi non è antitetico con il saper dare il massimo in termini di agonismo e competitività. Anzi se si è calmi aumenta la capacità di rimanere concentrati, di attuare lo schema corporeo adatto, e di mantenere un giusto equilibrio tra rilassamento e reattività.

Imparare a visualizzare mentalmente

In ogni disciplina sportiva è utile saper sviluppare la capacità di visualizzare i movimenti. E’ importante visualizzare sia il movimento idealmente perfetto che il movimento compiuto dall’atleta. Il matching tra le due esecuzioni permette di superare il gap tra ideale e reale. La visualizzazione è fondamentale in quanto, esattamente come l’allenamento fisico, crea una traccia neuronale che nel tempo si rafforza.

L’esecuzione ottimale diventa più facile e naturale perché la mente (a livello psicologico) e il cervello (a livello anatomico) si sono abituati a produrre tale esecuzione. Ogni abitudine diventa tale con la ripetizione, anche cambiare abitudine richiede ripetizione. Per innescare un’abitudine eccellente occorre però avere una valida e solida motivazione.

Si usano le visualizzazioni anche per rafforzare l’unità mente-corpo. Queste tecniche sono molto vicine ad alcune forme di meditazione, grazie alle quali lo sportivo entra in contatto con la propria forza interna e diventa abile a farla fluire quando serve, e ad accumularla in sé quando non occorre servirsene. Similmente diventa possibile liberarsi dai turbamenti sfruttando il potere simbolico dell’azione.

Per liberarsi dalle zavorre mentali basta trasferire il sentimento negativo su un pezzo di carta o su un altro oggetto e liberarsene, appena questo è fatto si avverte un senso di libertà che deve essere sostenuto dall’atleta e dal trainer in modo che diventi una zona di comfort in cui l’atleta si muove a suo agio. Libero da turbamenti e con la mente focalizzata al “flusso atletico”.

Integrare il mental training nell’allenamento abituale garantisce la capacità di gestire lo stress e le emozioni negative che ostacolano la serenità personale e i risultati.

CENTRO DI PSICOLOGIA DELLO SPORT PESCARA –

340.7728105

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...